Gran Loggia del Mediterraneo


Vai ai contenuti

Menu principale:


Solstizio d'Estate 2016 - Building today for preparing the future - Costruire oggi per preparare il domani

Documenti

English version

Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao

Ancient Accepted Scottish Rite
for the Mediterranean
Rosae Crucis Ordo
Mediterranean Jurisdiction

Summer Solstice 2016


The ANCIENT ACCEPTED SCOTTISH RITE – ROSAE CRUCIS ORDO for the MEDITERRANEAN JURISDICTION has celebrated the anniversary of the Summer Solstice 2016 in a Convent at the Zenith of the Mediterranean. The Ritual Masonic Body, the Grand Masters and the Venerable Masters of the Mediterranean Grand Lodge, the National Grand Lodge of Ancient Freemasons of Italy, the International Mediterranean Grand Lodge, the Grand Lodge of Sicily and the Grand Lodge Scottish National Italian, have taken part at the closure of the ritual works, the Supreme Council has approved the Document entitled “Building today for preparing the future”






Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao

Summer Solstice 2016. Document of Supreme Council of the 33rd :. Degree and last grade of the Sovereign Grand Inspector Generals of the

Ancient Accepted Scottish Rite
for the Mediterranean
Rosae Crucis Ordo
Mediterranean Jurisdiction




Building today for preparing the future


It is not easy to speak of the Universal Freemasonry in this historical moment: since long, unfortunately, the characters of its universality have been overshadowed, the signs of the Unique Identity that featured in previous centuries the work of the Masons in the quest of truth, in the search of the common Good.
In the recent decades a slow disruptive process favored by the lack of any direction, lack of guidelines from the world summits of the Ancient and Accepted Scottish Rite, caused a state of confusion in the various existing programmatic Ritual Bodies, which, at the end, were left with few real points of reference and seems suited of an endless fragmentation. A situation that we felt in the first years of the third millennium and that led, as an inevitable consequence, in February of 2010 to the establishment in Malta of the Ancient and Accepted Scottish Rite - Ordo Rosae Crucis, the Mediterranean Jurisdiction. It could be considered as an unrealistic act, but it was and it still considered as an act of great responsibility: a necessity, wanted to determine the prospect digging the foundations of a Common Mother House for all the Mediterranean Masons. The known profane events, tragically occurred over the last few years, have shown to us that the road we started was the only possible one.
Years later our efforts have been strengthened, thanks to the work done, we joined brothers who share this pathway not only as a rite, but also as an Order, having also created at the same time the appropriate structure, the Big East Mediterranean. What we have done is not a small thing: we have been able to define the necessary tools to join - while keeping intact the individual autonomies - Brothers belonging to different communions, but with a common root, the Scotticicm, in the most sublime meaning. Now we need to increase efficiency aggregating Dialogue that takes both the Ritual Bodies, both with the existing Grand Lodges in the Mediterranean.
We acted for faith, an indispensable prerequisite, digging the foundations for the construction of the Temple, we have defined the Motherhouse Municipality, where people meet and work in harmony to achieve common goals in the institutional world and project on the profane world to reach the final destination, the world Heritage list.
If we look reality we see that almost all the countries of the Mediterranean basin suffer of internal divisions and wars, with the pressure and constant danger of terrorism.
We planned all that happened in recent years and reported through the documents of our Supreme Council and published on Internet. Our Voice was an isolated one, as nothing at all was expressed by the World Freemasonry. Today, this is not enough anymore.
Conscious that wars will not be bringing any Peace, that only the means used by the little no-political wills can stop, we are sure that our Institution will be able to cause a change to chaos that occurs now, back to Order.
This will be possible if you manage to build that dialogue which no one has ever wanted to open, or attempted to open, with the Brothers of the Mediterranean, to which we must recognize the same needs that we perceive.
Today we need a new season to get out of the doldrums immobility and indifference, factors which can easily involve all of us, given the conditions in which we find ourselves at individual and collective level. It must be the name to guide us and not improvisation: we have to be interpreters and protagonists of initiatives able to determine the Turn.
No coincidence that we chose Malta as the cardinal seat of the Uniting planning and Gathering what is scattered or exclusively contained in its own bed. Malta as a center of the Mediterranean, Sicily and Rome as "doors" of Europe.
As enshrined in our Constitutive Acts, the lens, become imperative today it is to weave and strengthen relationships with the Masonic Community of the Mediterranean if we want there to be a tomorrow
by this Directive that the Supreme Council will move, making use of all available energies.
As the ultimate goal and how imperative it is stated: it must restore identity and dignity to Universal Freemasonry. And the signal part from what we have been able to build and the will to go right away without delay to tomorrow, because there is no tomorrow if you fail today. Enunciate, to share but not practicing is the primary way for others, with other goals, to go ahead and impose, without even much effort, its policies in the world.

Beyond our programmatic intentions our attention should be once the conditions of the Mediterranean countries, in reality they live every day.
And 'necessary to reflect on Islam-Europe relationship, about the different cultural identities, and the disruptive role of migration. It is of vital importance for the present and the future of European civilization, of our way of life, democracy, freedom of thought. The spread of the many Islamic presence in the countries of the continent, certainly galvanized by the highly generous recurring and not disinterested donations from Arab regimes, is creating an infinite range of relationship issues between conflicting diversity, cohabitation forced incompatible, ditches difficult to fill. The danger is not Islam but those who use Islam as a political tool of ruthless and aggressive action, disruptive and destabilizing. Islam cannot be identified with jihadist terrorism, but it is this impulse that are played misunderstandings in which it is easy to fall, and at the same time in the name of the instrumental "defense" of Islam that are played intrusive political games and mystifying.

• Therefore, we need to reflect on the meaning of the misguided policies of indiscriminate and uncontrolled reception of migrants / refugees who do not wear the vaunted integration between different cultures, but to a creeping subjugation of European culture to a new piloted Islamic Middle Ages and imposed by unknown forces. And about We would like to take into account the common denominator of the many segments that are characterizing what you want to understand how the Islamic world today: that of the "conquest" of the triumph over the infidels, the cancellation of the secular state, the legitimacy of power political through identification with the religious power, in a theocracy with no possible openings. If this were really the scenario that is being built, talk about Islam it would be to highlight the total incompatibility of Islam with Western civilization. But it is not, or should not be. The "civilization" will meet and compare, while respecting their diversity: the "clash" is equivalent to the domination over others and this is not acceptable and you cannot remain indifferent.
• You should understand that the problem is not Islam, but its supposed universal vocation to impose a pseudo individual morality. We believe that at this historic moment Europe is not "ready" to an integration as presented: to a coexistence perhaps, but with regulated conditions. It is not a question of tolerance. Just consider, in fact, the question of immigration / refugees who still do not want to understand its true nature and in its actual size, and of which you do not know the "real" origins, preferring hypocritically recline on terms such as hospitality and solidarity to cover a dangerous situation about to escalate. Europe is not the new world of Columbus, migrants, it is true, fleeing from war but from countries that are wealthy and from which the West depends for the energy sources. The wealth is in those countries from which migrants are fleeing: a paradox, when one considers the current unstabled economic conditions in Europe.
• We need to understand the addresses that Pope Francis is giving to Christianity in relationship with the Islamic religion and in reference to the forced adoption of a "multiculturalism" that can lead to a "de-Christianization" overall. Today, Christianity appears marginal and irrelevant in Europe. Religion faces a striking demographic and ideological Islamic challenge, while the members of the Jewish communities fleeing the new anti-Semitism after Auschwitz. In such circumstances, a synthesis between the old continent and Islam as one opposite part would be a waiver of the claim to have the Europe of tomorrow. We must fully understand what it means to the lack of commitment of the Pope to denounce the terrible fate of Christians in the Middle East: Pope Francis never calls by name those responsible for violence against Christians and the word never pronunciation "Islam." He recommended to welcome migrants, but ignores that these uncontrolled waves of migration are transforming Europe, gradually, in a colony of a Caliphate without a country. The earthquake going on in the Church should read all 'inside of a complicated geopolitical and ideological confrontation planetarium. A fight where one can see, or rather, is "sensed" the protagonists that promote it. Then you should think about the purpose of the economic powers that periodically come together (see the Bilderberg Club) to subject to their rules the whole world in the name of a New Order, after, of course, have given the chaos. As by several parties is detected, the "clash" c 'is also the key to understanding the political events of recent years: the German domination of the EU; criminalization and Putin's isolation; the tumult for Brexit. All contours of an unconventional war that emerge thanks to the sunset of Obama, the irruption of the so-called "populism" in Europe were born as a reaction to the EU technocratic (German) and following the earthquake represented by the success of Trump, a foreign body for the American Caste, made up of Democrats, Wall Street, and (some) Republicans.
• We should give space to the analysis on the state of the Mediterranean countries, after the alleged "Arab spring"; we should speak of the signed Protocols and never applied, like those of Barcelona of 1975 and 1995, the latter known as the Euro Mediterranean Partnership which was aimed for creating a policy to ensure the safety and stability of the Mediterranean region, including through the writing a charter for the stability and security of the Mediterranean; we should mention the lack of economic development in the Mediterranean region, and the creation of a consistent and strong cultural exchange between the civil societies of the member countries, all assumptions of a Mediterranean sea of initiated processes of Peace that have not been landlocked since non-functional to the interests of multinationals and economic power groups, which probably pursue the goal of the destruction of Europe precisely through the penetration of Islam, under the deceptive guise of globalization, multiculturalism and world peace, and prevent it balances the historical alliance between Europe and Russia.

By sharing these reflections you can find a meeting point and, once united, face a situation that is becoming a more tragic day. Dialoguing with unity of purpose, perhaps you can find a solution and act accordingly.



Versione italiana

Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam


Ordo ab Chao


Rito Scozzese Antico e Accettato
per la Giurisdizione del Mediterraneo
Rosae Crucis Ordo
Giurisdizione del Mediterraneo


SOLSTIZIO D’ESTATE 2016

Il Rito Scozzese Antico e Accettato per la Giurisdizione del Mediterraneo – Rosae Crucis Ordo Giurisdizione del Mediterraneo, ha celebrato la ricorrenza del Solstizio d’Estate 2016 in un Convento allo Zenit del Mediterraneo. Hanno preso parte il Corpo Massonico Rituale, i Gran Maestri e i Maestri Venerabili della Mediterranean Grand Lodge, della Gran Loggia Nazionale degli Antichi Massoni d’Italia, della Mediterranean International Grand Lodge, della Gran Loggia Nazionale Italiana Scozzese e della Gran Loggia di Sicilia. A conclusione dei lavori rituali il Supremo Consiglio ha approvato il Documento dal titolo “Costruire oggi per preparare il domani”..









Ad Universi Terrarum Orbis Summi Architecti Gloriam

Ordo ab Chao

Solstizio d’Estate 2016. Documento del Supremo Consiglio del 33°:. ed Ultimo Grado dei Sovrani Grandi Ispettori generali del


Rito Scozzese Antico e Accettato
per la Giurisdizione del Mediterraneo
Rosae Crucis Ordo
Giurisdizione del Mediterraneo



Costruire oggi per preparare il domani



Non è facile parlare in questo momento storico della Massoneria Universale: da tempo, purtroppo, si sono offuscati i caratteri della sua Universalità, i segni di quella Identità Unica che ha caratterizzato nei secoli precedenti l’operato dei Massoni nella ricerca del vero, nella ricerca del Bene comune.
Negli ultimi decenni un lento processo disgregativo favorito dalla mancanza di indirizzo, l’assenza di linee-guida da parte dei Vertici mondiali del Rito Scozzese Antico e Accettato, ha determinato uno stato di confusione programmatica nei vari Corpi Rituali esistenti, i quali, alla fine, si sono ritrovati senza reali punti di riferimento e sembrano vocati ad una infinita frammentazione. Una situazione da noi avvertita nei primi anni del Terzo Millennio e che ha portato, come inevitabile conseguenza, nel febbraio del 2010 alla costituzione a Malta del Rito Scozzese Antico e Accettato - Rosae Crucis Ordo, Giurisdizione del Mediterraneo. Poteva essere considerato un atto velleitario, ma è stato ed è ancora da considerare un atto di grande responsabilità: una necessità, l’avere voluto determinare una prospettiva gettando le basi di una
Casa Madre Comune per tutti i Massoni dei Paesi dell’area del Mediterraneo. I noti avvenimenti profani, tragicamente susseguiti negli ultimi anni ci hanno dimostrato che la strada sulla quale ci siamo avviati era la sola possibile.
A distanza di anni le nostre energie si sono rafforzate: grazie al lavoro svolto, uniamo Fratelli che condividono questo percorso non soltanto come Rito, ma anche come Ordine, avendo creato contemporaneamente anche la struttura adeguata, il Grande Oriente del Mediterraneo. Ciò che abbiamo fatto non è cosa di poco conto: siamo riusciti a definire gli strumenti indispensabili per unire – pur mantenendo integre le singole autonomie – Fratelli che appartengono sì a Comunioni diverse, ma con una radice comune, lo Scozzesismo, nel significato più sublime e ampio.
Ora occorre accrescere efficacia aggregativa nel Dialogo che si intraprende sia con i Corpi Rituali, sia con le Gran Logge esistenti nell’area del Mediterraneo.
Il nostro è stato un atto di fede, un indispensabile momento propedeutico, la posa delle fondamenta per la costruzione del Tempio, che abbiamo definito Casa Madre Comune dove ci si incontra e non ci si scontra e si lavora in armonia per raggiungere obbiettivi condivisi nel mondo istituzionale e da proiettare nel mondo profano per raggiungere la meta finale, il Bene dell’Umanità.
Se guardiamo la realtà ci accorgiamo che quasi tutti i Paesi del bacino del Mediterraneo sono squassati da lacerazioni interne e guerre, con il pressante e costante pericolo del terrorismo.
Tutto ciò che è accaduto negli ultimi anni lo abbiamo previsto e denunciato attraverso i Documenti espressi dal nostro Supremo Consiglio e resi di pubblico dominio su internet. Una Voce isolata la nostra, in quanto nulla di nulla è stato espresso dalla Massoneria mondiale. Tutto ciò oggi non basta.
Coscienti che non saranno le guerre che potranno portare la Pace, coscienti che i mezzi adoperati dalla politica poco o niente saranno in grado di risolvere, siamo convinti che la nostra Istituzione possa essere in grado di determinare una
Svolta e dal Caos che si riscontra adesso, risalire all’Ordine.
Ciò sarà possibile se si riuscirà a Costruire quel
Dialogo che nessuno ha voluto mai aprire, o ha tentato di aprire, con i Fratelli del Mediterraneo, ai quali bisogna riconoscere le stesse necessità che noi avvertiamo.
Oggi abbiamo bisogno di una nuova stagione per uscire dalle secche dell’immobilismo e dell’indifferenza, fattori che facilmente possono coinvolgere ognuno di noi, viste le condizioni nelle quali ci si ritrova a livello individuale e collettivo. Deve essere la Ragione a guidarci e non l’improvvisazione: dobbiamo essere interpreti e protagonisti di iniziative in grado di determinare la Svolta.
Non a caso abbiamo scelto Malta come sede-cardine della
progettualità dell’Unire e Raccogliere ciò che è sparso o racchiuso esclusivamente nel proprio alveo. Malta come centro del Mediterraneo, la Sicilia e Roma come “porte” dell’Europa.
Come sancito nei nostri Atti Costitutivi, l’obiettivo, diventato oggi impellente, è intrecciare e consolidare i rapporti con le Comunità Massoniche del Mediterraneo:
se vogliamo che esista un domani.
E’ su questa direttiva che il Supremo Consiglio si muoverà, avvalendosi di tutte le energie disponibili.
Come fine ultimo e come imperativo categorico si afferma:
occorre ridare Identità e Dignità alla Massoneria Universale. E il segnale parte da ciò che abbiamo saputo costruire e dalla volontà di proseguire subito senza rimandare al domani, perché non c’è domani se non si supera l’oggi. Enunciare, condividere ma non praticare è la prima via per consentire ad altri, con altri obbiettivi, di andare avanti e imporre, senza neanche troppi sforzi, le proprie direttive nel mondo.

Al di là dei nostri intendimenti programmatici la nostra attenzione deve essere volta alle condizioni dei Paesi del Mediterraneo, nella realtà che vivono quotidianamente.

E’ necessario riflettere sul rapporto Islam-Europa, sulle diverse identità culturali, e sul ruolo dirompente delle migrazioni. Si tratta di questioni di importanza vitale per il presente e il futuro della civiltà europea, del nostro modo di vivere, della democrazia, della libertà di pensiero. Il dilagare delle tante presenze islamiche nei Paesi del Continente, certamente galvanizzato dalle ricorrenti generosissime e non disinteressate donazioni provenienti dai regimi arabi, sta creando una gamma infinita di problematiche di relazione tra diversità confliggenti, convivenze forzate incompatibili, fossati difficili da colmare. Il pericolo non è l’Islam ma coloro che l’Islam usano come strumento di politica spregiudicata e azione aggressiva, dirompente e destabilizzante. L’Islam non può essere identificato con il terrorismo jiadista, ma è su questa spinta che vengono giocati gli equivoci nei quali è facile cadere, ed è contemporaneamente in nome della strumentale “difesa” dell’Islam che si giocano partite politiche invadenti e mistificanti.

Occorre, dunque, riflettere sul significato delle politiche dissennate di accoglienza indiscriminata e incontrollata dei migranti/profughi che non portano alla sbandierata integrazione fra culture diverse, ma ad una strisciante sottomissione della cultura europea ad un nuovo medioevo islamico pilotato e imposto da forze sconosciute. E in merito Noi vorremmo tenere conto del denominatore comune dei tanti segmenti che stanno caratterizzando quello che si vuole intendere come il mondo islamico odierno: quello della “conquista”, del trionfo sugli infedeli, dell’annullamento della laicità dello Stato, della legittimazione del potere politico attraverso l’identificazione con il potere religioso, in una teocrazia senza aperture possibili. Se questo fosse veramente lo scenario che si sta costruendo, parlare dell’Islam equivarrebbe a evidenziarne la totale incompatibilità dell’Islam con la civiltà occidentale. Ma così non è, o non dovrebbe essere. Le “civiltà” si incontrano e si confrontano nel rispetto delle loro
diversità: lo “scontro” equivale a supremazia dell’uno sugli altri e ciò non è accettabile e non si può rimanere indifferenti.dovrebbe comprendere che il problema non è l’Islam, ma la sua presunta vocazione universale a imporre una pseudo morale individuale. Riteniamo che in questo momento storico l’Europa non sia “pronta” all’integrazione così come viene presentata: alla convivenza forse, ma con condizioni regolamentate. E non è questione di tolleranza. Basti considerare, appunto, la questione immigrazione/profughi che ancora non si vuole comprendere nella sua effettiva natura e nella sua reale dimensione, e della quale non si conoscono le “vere” origini, preferendo ipocritamente adagiarsi su termini come accoglienza e solidarietà per coprire una situazione pericolosa e prossima a degenerare. L’Europa non è il nuovo mondo di Colombo, i migranti sì, è vero, fuggono dalle guerre ma da Paesi che sono ricchi e dai quali l’Occidente dipende per le fonti energetiche. La ricchezza sta in quei Paesi dai quali i migranti fuggono: un paradosso, se si considerano le attuali instabili condizioni socioeconomiche dell’Europa.comprendere gli indirizzi che Papa Francesco sta dando alla Cristianità nel rapporto con la religione Islamica e in riferimento alla forzata adozione di un “multiculturalismo” che può portare a una “decristianizzazione” complessiva. Oggi, il Cristianesimo appare marginale e irrilevante in Europa. La religione affronta una appariscente sfida islamica demografica e ideologica, mentre i membri delle comunità ebraiche dopo Auschwitz fuggono dal nuovo antisemitismo. In simili circostanze, una sintesi tra il Vecchio Continente e l'Islam come parte contrapposta sarebbe una rinuncia della pretesa dell'Europa di avere un domani. Bisogna comprendere pienamente cosa significhi il mancato impegno del Pontefice a denunciare il terribile destino dei cristiani in Medio Oriente: Papa Francesco non chiama mai per nome i responsabili delle violenze contro i cristiani e non pronuncia mai la parola "Islam". Egli raccomanda di accogliere i migranti, ma ignora che queste ondate migratorie incontrollate stanno trasformando l'Europa, a poco a poco, in una colonia di un Califfato senza patria. Il terremoto in corso nella Chiesa va letto all' interno di un complicato scontro geopolitico e ideologico planetario. Uno scontro dove si intravedono, o meglio, si “intuiscono” i protagonisti che lo promuovono. Quindi si dovrebbe riflettere sulle finalità dei potentati economici che periodicamente si riuniscono (vedi Club Bilderberg) per assoggettare alle loro regole l’intero mondo in nome di un Nuovo Ordine, dopo, ovviamente, avere determinato il caos. Come da più parti viene rilevato, nello “scontro” c' è anche la chiave per capire i fatti politici degli ultimi anni: l'egemonia tedesca della Ue; la criminalizzazione e l'isolamento di Putin; il tumulto per la Brexit. Tutti contorni di una guerra non convenzionale che emergono ora grazie al tramonto di Obama, all'irrompere dei cosiddetti “populismi” che in Europa sono nati per reazione alla Ue tecnocratica (tedesca) e a seguito del terremoto rappresentato dal successo di Trump, un corpo estraneo per la Casta americana, fatta di Democratici, di Wall Street e (alcuni) Repubblicani. dare spazio all’analisi sulla condizione dei Paesi del Mediterraneo, dopo le presunte “primavere arabe”; si dovrebbe parlare dei Protocolli sottoscritti e mai applicati, come quelli di Barcellona del 1975 e del 1995, quest’ultimo noto come Partenariato Euro Mediterraneo che si prefiggeva la creazione di una politica per garantire la sicurezza e la stabilità della regione mediterranea, anche attraverso la scrittura di una Carta per la stabilità e la sicurezza del Mediterraneo; dovremmo parlare del mancato sviluppo economico della regione mediterranea, e la creazione di uno scambio culturale costante e forte fra le società civili dei Paesi membri, tutti presupposti di un Mediterraneo mare di pace. Processi avviati che non hanno avuto sbocco in quanto non funzionali agli interessi di multinazionali e di gruppi di potere economico, che probabilmente perseguono l’obbiettivo della distruzione dell’Europa proprio attraverso la penetrazione di un Islam, sotto le ingannevoli spoglie della globalizzazione, del multiculturalismo e della pace mondiale, e impedire che si saldi la storica alleanza fra Europa e Russia.
Condividendo queste riflessioni è possibile trovare un momento d’incontro e, uniti, affrontare una situazione che diventa ogni giorno più tragica. Dialogando con unità d’intenti forse si potrà trovare una soluzione ed agire di conseguenza.



Share |

Home Page | Atto di Costituzione | Statuto | Protocolli d'Amicizia | Documenti | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu